Affidamento minori

Affidamento minori

Donna separata, madre di una figlia di 4 anni. Si rivolge a noi per effettuare delle indagini sull’ex marito in quanto ha buone ragioni di credere che lo stesso, durante le giornate in cui ha l’affidamento della bambina, che spesso coincidono con il fine settimana, incarichi una baby sitter di stare con la figlia, per uscire con amici o con la nuova compagna.

L’ ex marito della cliente ha 39 anni, ed è un libero professionista. Ha ottenuto, con sentenza del Tribunale, l’affidamento della figlia per due fine settimana più tre pomeriggi fino al dopo cena al mese. L’indagato abita a 30 km dall’abitazione dell’ex moglie.

La finalità: acquisire elementi di prova tesi a dimostrare che l’indagato non dimostra reale interesse a passare del tempo con la figlia, affidandola spesso ad un estranea (baby sitter), ed arrivare quindi all’ affido esclusivo.

Si predispongono quindi i controlli di osservazione dinamica a partire dall’abitazione dell’indagato nelle giornate concordate dal giudice e con l’ex coniuge. Durante il periodo di controllo durato per due week-end e per due singoli pomeriggi, abbiamo potuto accertare che nei due week end per l’intera giornata la bambina è stata affidata ad una baby sitter, mentre l’indagato è stato visto intento a fare acquisti in alcuni negozi e a frequentare locali e ristoranti.

La stessa cosa si è ripetuta anche per due mezze giornate durante la settimana.

Si è inoltre potuto accertare che nel week end in cui la bambina non è stata affidata alla baby sitter l’indagato abbia avuto una visita da parte di una donna che ha dormito presso l’abitazione dell’indagato e con la quale è stato visto scambiare espliciti gesti d’affetto.

La nostra cliente, con le prove testimoniali da noi raccolte, ha potuto dimostrare in giudizio che l’ex marito nel periodo di affido della figlia non si è occupato di lei assumendo comportamenti non idonei e incompatibili con l'affidamento della bambina.

Vedi tutti i casi

Richiedi un preventivo per il tuo caso
Torna a tutti i casi
12 novembre 2010