Causa di lavoro per infortunio

Causa di lavoro per infortunio

Il Direttore del Personale di una Spa leader nel settore dei servizi, ci contatta per un problema sorto con un dipendente della ditta.

R.F., trentadue anni, celibe, vive con la fidanzata. Il dipendente è in infortunio sul lavoro da un mese, ed ha intentato causa alla società per ricevere un grosso indennizzo a seguito di un brutto incidente d’ auto. R.F. dichiara che a seguito dell’ incidente ha difficoltà di movimento e percettive, oltre che gravi ripercussioni per la Sua psiche. Dovrà portare inoltre il collare per almeno un altro mese.

La finalità dell’ Azienda è di raccogliere elementi probatori tesi a dimostrare che il dipendente indagato svolge attività non compatibili con lo stato di malattia e con quanto dichiarato dal parere medico.

Si predispone un’ osservazione dinamica degli spostamenti da effettuarsi nell’ arco di una settimana.

Per i primi due giorni l’ indagato non esce di casa. Il mercoledì pomeriggio, osserviamo l’indagato uscire da casa senza il collare e recarsi assieme alla fidanzata nel centro di una città distante qualche decina di chilometri. I due passano l’ intera giornata nel centro storico a fare spese ed a passeggiare. Il tutto viene documentato con foto e filmati.

Nei giorni seguenti non si riscontrano movimenti di rilievo, e d’ accordo con il cliente si estendono i controlli fino alla settimana successiva.

Come immaginato il mercoledì si ripete la stessa situazione.

Per ottimizzare i costi ci si è quindi concentrati nel weekend e durante il mercoledì per altre 4 settimane.

La società ha ottenuto precisi elementi di prova che le hanno permesso di affrontare con esito positivo la causa di lavoro. E’ riuscita attraverso quanto rilevato ad invalidare tutta la documentazione medica presentata dalla controparte e a licenziare il dipendente per giusta causa.

Vedi tutti i casi

Richiedi un preventivo per il tuo caso
Torna a tutti i casi
12 novembre 2010