Audit Contabile

Audit Contabile

CLIENTE. Azienda leader italiana nella produzione di packaging e involucri sterili per il settore alimentare e farmaceutico, con un portafoglio di più di 5.000 clienti, la maggior parte dei quali operanti nel settore della grande distribuzione e nel commercio al dettaglio. Negli ultimi anni per perdite su crediti si sono incrementate del 35%.

INDAGATO.
Sessantaduenne, sposato con tre figli maggiorenni, da oltre venticinque anni ricopre la posizione di Credit Manager presso la società CLIENTE. Da un paio d’anni si presenta in azienda guidando una Maserati e di recente si è trasferito a vivere con la moglie in una zona residenziale di lusso. Attribuisce questo migliore tenore di vita ad una eredità riscossa in seguito al decesso di un lontano parente della moglie. Negli ultimi mesi rimane in ufficio fino a tarda sera, tornandoci molto spesso anche nei weekend.

FINALITA’. Effettuare un audit contabile, finanziario ed amministrativo nell’area crediti, finalizzato ad individuare eventuali irregolarità nella gestione della clientela da parte del credit manager.

INTERVENTI. Gli accertamenti amministrativi, contabili e finanziari hanno avuto l’obiettivo di verificare ogni attività aziendale, anche sotto il profilo informatico, del credit manager degli ultimi 4 anni. In particolare:
- si sono accertati i reali poteri attribuiti al credit manager e le direttive da esso impartite ai suoi collaboratori e, soprattutto, all’ufficio contabilità;
- si è analizzato il conto “perdite su crediti” e il partitario clienti al fine di ottenere l’elenco dei clienti girati a perdita e il relativo il saldo stornato;
- si è verificato se tra i clienti girati a perdita e il credit manager erano in essere legami di qualsiasi genere.

CONCLUSIONI. L’attività d’indagine contabile, finanziaria e amministrativa ha permesso di accertare che il credit manager, interpellato dai clienti in difficoltà finanziarie, concedeva loro sostanziose dilazioni dei tempi di pagamento chiedono però loro di emettere assegni postdatati intestati al medesimo credit manager. Quest’ultimo otteneva gli assegni promettendo di anticipare egli stesso all’azienda CLIENTE le somme da versare alle varie scadenze. Tuttavia l’indagine ha dimostrato che il credit manager intascava gli assegni senza anticipare alcuna somma, girando il saldo di tali crediti su altri conti oppure stornandolo a perdita. Si è calcolato che il credit manager negli ultimi quattro anni con questo metodo ha sottratto all’azienda CLIENTE circa € 650.000. La ricostruzione contabile, finanziaria e amministrativa è stata utilizzata a supporto delle iniziative legali che l’azienda CLIENTE ha promosso nei confronti del suo ex credit manager.

Vedi tutti i casi


Torna a tutti i casi
23 settembre 2015