Tendenze sessuali diverse annullano il matrimonio

Se uno dei due coniugi ha delle tendenze sessuali diverse rispetto a quelle che il partner credeva prima di sposarlo e se questo problema impedisce lo svolgersi della normale vita intima di coppia, è possibile annullare il matrimonio, richiedere e ricevere un mantenimento mensile ed, addirittura, farsi pagare le spese processuali.

Questo il caso discusso con una Corte di cassazione nella sentenza numero 9484 lo scorso 18 aprile, quando un uomo che non aveva avvisato la compagna delle sue diverse tendenze sessuali, è stato costretto a risarcirla con un assegno di mantenimento pari all’importo di 850 euro al mese e con il pagamento di tutte le spese processuali.

Il vero motivo scatenante la decisione del magistrato, è dipeso dal fatto che il marito, pur essendo a conoscenza delle sue preferenze sessuali, ha fatto credere alla moglie di non avere alcuna tendenza diversa da quella che può esserci in un normale rapporto tra uomo e donna. Una casistica particolare che ha tutelato i diritti di donna della moglie, la quale, dopo aver appurato la cosa, ha anche dovuto affrontare un considerevole trauma psicologico.


Condividi con:

Vai alla lista news
16 settembre 2013 Redazione