Panorama intervista Axerta

Il Presidente di Axerta S.p.A., Gen. Michele Franzè, e l’Amministratore Delegato Vincenzo Francese, sono stati intervistati da Gianluca Ferraris per Panorama sul tema delle investigazioni aziendali e della loro connessione con il Jobs Act,.

All’interno della sezione Lavoro & Frodi del noto settimanale, le principali cariche aziendali di Axerta hanno descritto l’esperienza investigativa dedicata alle aziende in tema di dipendenti infedeli, furti, assenteismo e truffe, analizzando il costo, produttivo ed organizzativo, delle finte malattie e quale impatto avrà la riforma del lavoro varata dal Governo Renzi sulla tutela aziendale.

Ogni anno le finte assenze dal lavoro per malattia costano all’Inps, e dunque incidono sulla spesa pubblica, 400 milioni di euro. Causano cali di produttività che possono raggiungere l’8% nel settore privato e superare il 15% in ambito pubblico. Questi solo alcuni dei dati presentati e rappresentativi delle dimensioni del fenomeno dell’assenteismo in Italia.

Ma cosa può fare concretamente un’azienda per tutelarsi quando sospetta di un dipendente assenteista?

Esemplificativo il caso di un addetto commerciale presso una società di servizi finanziari e gestionali. Ogni mese usufruiva dei tre giorni di permesso retribuito ex legge 104, riservato a chi deve assistere un parente prossimo afflitto da grave infermità: in questo caso un fratello con forte disabilità motoria. L’azienda, insospettita dal fatto che pur essendo l’unico familiare in vita, Franco frazionasse i permessi fino al massimo consentito dalla legge, decide di conferire mandato ad Axerta. Dai controlli investigativi si scopre che la sera, uscito dall’ufficio, Franco va in palestra e gioca a calcetto, proprio in compagnia del fratello teoricamente incapace di camminare. Di fronte a elementi che giustificavano il licenziamento immediato ed a fronte della liceità ed efficacia della documentazione prodotta dalla nostra agenzia investigativa, l’uomo ha scelto una transazione con l’azienda e con l’Inps.

Scarica l'articolo originale


Torna a tutti i media
15 marzo 2015